Ordine e caos

Chi non conosce il piacevole senso di soddisfazione che si prova dopo aver riordinato la propria abitazione? La ricerca sul cervello lo conferma: rassettare ha effetti positivi sul nostro cervello. Ma a volte anche un po’ di caos non fa male, comunque entrambi gli estremi hanno effetti negativi sulla nostra psiche.

Riordinare rende generosi
Non per niente i professionisti del riordino, come la star televisiva Marie Kondo, hanno tanto successo. Kondo scrive libri e tiene corsi su come fare
ordine. Nei suoi video, la giapponese fa visita a persone che vogliono vivere in modo più ordinato. Le aiuta a sbarazzarsi sistematicamente del superfluo e generalmente alla fine i partecipanti sono felicissimi del loro nuovo ordine.

La ricerca sul cervello lo conferma: generalmente chi è ordinato fa qualcosa di buono per il corpo e la mente. Da diversi studi emerge che lavorare
in un ambiente ordinato rende più concentrati e rilassati, perché l’organismo produce meno cortisolo, un ormone che causa stress. Fare ordine regolarmente aiuta quindi a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e di depressione. E quando si rassetta, il cervello rilascia persino serotonina, uno dei cosiddetti ormoni della felicità.

Sembra, inoltre, che l’ordine favorisca un comportamento prosociale. Nell’ambito di un esperimento condotto nel 2013 dall’Università del Minnesota, ai partecipanti suddivisi in ambienti ordinati e caotici è stato chiesto di donare somme fittizie di denaro: chi si trovava in un ambiente ordinato donava molto più di chi era invece in un ambiente caotico.

Quando il caos prende il sopravvento
Troppo caos, invece, può far ammalare. Stando ad alcune stime, in Europa tra il 2 e il 5% delle persone soffre di «accumulo patologico», un disturbo che dal 2013 è incluso nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5). Gli accumulatori patologici non riescono a separarsi dagli oggetti, anche se così facendo rendono invivibili locali interi.

Una questione di creatività
Tutto ciò significa che dovremmo tutti iscriverci a un corso di Marie Kondo? Non esattamente, anche perché troppo ordine fa male alla psiche. Un senso dell’ordine troppo pronunciato può causare un disturbo ossessivo-compulsivo, che spesso è accompagnato da una depressione.

Ma vi è un altro aspetto altrettanto sorprendente: anche il disordine presenta dei vantaggi per il cervello, soprattutto quando bisogna trovare nuove idee. Le persone creative sono spesso considerate caotiche. E alcuni studi hanno dimostrato che è vero anche il contrario: un ambiente caotico favorisce la creatività. Ai partecipanti di uno studio condotto dall’Università del Minnesota è stato chiesto di annotare il maggior numero di cose da fare con una pallina da tennis. I partecipanti erano divisi in due gruppi: alcuni sedevano in una stanza molto ordinata, altri in una molto caotica. Il risultato? Una giuria ignara del modo in cui erano stati suddivisi i partecipanti ha giudicato decisamente più creative le idee del gruppo «caotico».

Nell’ambito di un altro esperimento della stessa serie, il gruppo seduto nell’ambiente caotico ha scelto da un menu bibite che la giuria ha giudicato nettamente meno convenzionali. I responsabili dello studio sono così giunti alla conclusione che un ambiente disordinato rende le persone più aperte e disposte a sperimentare.

Pertanto, né l’ordine né il caos da soli sono determinanti per il benessere fisico e mentale, per la salute o la creatività. Solo la sintesi di entrambi gli stati ci rende equilibrati e ricettivi ai molti impulsi caotici ai quali siamo esposti tutti i giorni.

Il cervello è il nostro organo più importante: comanda il corpo, i sensi e le emozioni, ma in realtà lo conosciamo poco.

La Lega svizzera per il cervello sostiene la ricerca neurobiologica in Svizzera e fornisce consigli alla popolazione per mantenere sano il cervello.

Siamo integralmente finanziata dalle offerte dei privati. Contribuite anche voi alla ricerca sul cervello in Svizzera.

Fate la vostra offerta

Settimana del cervello 2021 – Registrazioni


A causa del coronavirus, tutti gli eventi della Settimana del Cervello (dal 15 al 19 marzo 2021) sono stati condotti online quest'anno. Clicca qui per andare alle registrazioni.

Continua

La rivista "il Cervello"

La rivista “il Cervello” appare quattro volte all’anno e i sostenitori della Lega svizzera per il cervello la ricevono gratuitamente. Ordina un campione!

Continua

Wir verwenden Cookies und Analysetools, um Ihnen den bestmöglichen Service zu gewährleisten. Indem Sie auf der Seite weitersurfen, stimmen Sie der Verwendung von Cookies und Analysetools zu. Weitere Informationen finden Sie in unseren Datenschutzbestimmungen ».

Ich stimme zu

Nous utilisons des cookies et des outils d’analyse dans le but de vous garantir le meilleur service possible. En continuant de surfer sur notre site, vous donnez votre consentement à l’utilisation de cookies et d’outils d’analyse. Veuillez consulter no dispositions relatives à la protection des données » pour de plus amples informations.

J’accepte